Cuoio

Prodotti artigianali


Proloco


Cuoio e pelle


L’interesse diffuso per il cavallo ha caratterizzato, in larga misura, l’arte della pelletteria. Selle, briglie, gambali sono prodotti, con antica perizia, a Santulussurgiu, a Quartu Sant’Elena, ad Ozieri, a Pula, ed approdano, spesso, nei più rinomati ippodromi. Accanto alle forniture per equitazione, alcuni artigiani hanno avviato la produzione di tappeti e confezioni di pelle. A Monserrato e nell’alto Oristanese, si conciano pelli di capretto e d’agnello che, cucite fra loro, diventano tappeti destinati all’arredamento di camere per bambini. In Barbagia, si utilizzano pelli di capra rovesciate per modellare caldi giacconi, ispirati alla tipica "mastruca". Alla pelletteria di qualità si accoppia, però, sempre più spesso, una produzione destinata al mercato del souvenir; si tratta di oggettistica decorata a freddo: borse, cinture, portafogli, cuscini, agende ecc., molto simile alle marocchinerie presenti in tutte le località turistiche del Mediterraneo. È quindi importante rivolgere l’attenzione agli oggetti più originali e tipici, che abili artigiani producono, senza indulgere a troppi compiacimenti folcloristici, a Dorgali, a Cagliari, a Decimomannu, a Monserrato, a Sassari. Essi, pur ispirandosi alla tradizione regionale, si distinguono per rigore stilistico, qualità della materia prima ed eleganza della confezione.